Emorroidectomia

Ho sentito parlare di utilizzo del laser per il trattamento delle emorroidi. (Z.A. - Vicenza - Febbraio 2010)
Sono stato sottoposto ad intervento di emorroidectomia sec. Milligan & Morgan per emorroidi di IV^ grado. A distanza di 9 mesi, per difficoltà evacuative, mi sono sottoposto a valutazione proctologica e mi è stata riscontrata una substenosi anale. Mi è stato proposto un intervento chirurgico di anoplastica. (G.L. - Gragnano - 2016)

Intervento di Longo

Mio padre è stato rioperato (era stato già sottoposto ad intervento di Longo, ma con scarsi risultati) per un prolasso rettale. Dopo 10 gg lamenta ancora dolore molto forte, per il quale è costretto ad assumere antidolorifici, e perdite scure, oltre al frequente stimolo di andare in bagno. (M.S. - Rimini - Settembre 2009)
Sono stata sottoposta ad intervento di Longo per malattia emorroidaria. Dopo pochi giorni, dall'intervento, il sanguinamento anale è scomparso, purtroppo è comparsa una incontinenza fecale caratterizzata da molteplici defecazioni quotidiane con la necessità di recarmi immediatamente in bagno in quanto ho la sensazione di farmela sotto.(B. M. - Sanremo - 2016)
Sono stata sottoposta ad intervento di Longo, purtroppo si è determinata una stenosi severa del canale anale che determina difficoltà enormi nella evacuazione. (F. S. - Cervia - Sett. 2016)

Neuromodulazione Sacrale

Ho 37 anni, e 20 anni fa in seguito ad incidente stradale ho riportato una lesione midollare C3-C4 che mi ha reso tetraplegico. Soffro di vescica neurogena con una conservata funzione fecale. Desideravo conoscere le prospettive terapeutiche della neuromodulazione sacrale. (D.F.M. - Maggio 2010 - BS)
Ho 27 anni e da sempre soffro di stipsi con evacuazioni che avvengono solo ed esclusivamente con utilizzo di clisteri. Le indagini effettuate hanno confermato la diagnosi di stipsi da rallentato transito in presenza di dolicolon. Mi è stata proposta, in alternativa all’intervento di colectomia, la neuromodulazione sacrale (M.A. – Palermo – 2016)

S.T.A.R.R.

Nell'Aprile scorso sono stata sottoposta ad intervento di Resezione Regolata del Retto per via Transanale con Contour (Transtarr), successivamente sono comparsi dolori in regione perineale diffcili da trattare farmacologicamente. E' stata posta diagnosi di neuropatia del pudendo da interessamento di terminazione nervose, molto probabilmente da una o più clips metalliche. Mi è stato poposto la revisione della sutura con rimozione di tutte le clips, mi sono stati prospettati, tuttavia, i rischi dell'intervento compresa la possibilità di insorgenza di incontinenza fecale e di fistole. (F. D.C. - Dicembre 2009)
Sono stata sottoposta a Gennaio 2016 ad intervento di Resezione Regolata del Retto per via Transanale (Starr), dopo qualche settimana sento la necessità di evacuare più volte nel corso della giornata, talvolta tale sensazione è particolarmente intensa ed ho l'impressione di non riuscire a trattenere le feci. Il Chirurgo che mi ha operato mi ha detto che tale fastidio può comparire dopo una Starr e ha prescritto un ciclo di riabilitazione perineale. Un altro Proctologo, invece, parla di incontinenza fecale iatrogena e mi ha proposto un altro intervento chirurgico. ( L.M. - Roma - 2016)

T.E.M.

Mio padre, 80 anni, ha effettuato la colonscopia ed è stato riscontrato un voluminoso polipo a carico del retto medio. Sono state effettuate biopsie multiple con riscontro istologico di adenoma tubulo-villoso. Gli è stata proposta l’asportazione con la T.E.M., si può considerare un intervento radicale (E.G. – Roma – 2016)
Devo essere sottoposto ad intervento di T.E.M. per l’asportazione di un polipo cancerizzato del retto medio. Può illustrarmi le possibili complicanze? (F.L. – Lodi– 2016)
Ho 67 anni e sono in buone condizioni generali. Per la presenza di un sanguinamento anale mi sono sottoposto a valutazione endoscopica e mi è stata riscontrata una neoplasia del retto medio in stadio T2N0M0 – G1. Il chirurgo mi ha proposto radio e chemioterapia prima dell’intervento e successivamente, se la neoplasia diminuisce di volume, l’asportazione tramite T.E.M. (G.L.G.. – Napoli – 2016)
Ho 58 anni e circa 1 mese fa, dopo aver eseguito un trattamento radio-chemioterapico per un tumore del retto superiore, mi è stata asportata la neoplasia, che si è solo parzialmente ridotta di dimensioni, con tecnica T.E.M. L’esame istologico definitivo ha evidenziato che si tratta di un T3N0M0 – G3. Il Chirurgo mi ha proposto l’intervento tardizionale per via laparoscopica (M.S. – Orvieto.i – 2016)